Sindrome dell’occhio fantasma: tipi di allucinazioni visive e fenomeni correlati.

24 Gennaio 2019


hiding-piccola

Un’interessante studio della dott.ssa Marie Louise Roed Rasmussen, sul fenomeno delle allucinazioni visive post enucleazione, pubblicato sul Journal of Ophthalmic Plastic & Reconstructive Surgery.



Sindrome dell’occhio fantasma: tipi di allucinazioni visive e fenomeni correlati
Roed Rasmussen, Marie Louise MD; Prause, Jan UMD, DMSc .; Ocularist, Martin Johnson; Toft, Peter BMD, DMSc.

Abstract

Scopo: descrivere la prevalenza della sindrome dell’occhio fantasma in pazienti con amputazione dell’occhio, fornire una descrizione delle allucinazioni visive e identificare i trigger, i fermi e le emozioni correlate alle allucinazioni visive.

Metodi: Il database dell’ospedale è stato sottoposto a screening, utilizzando i codici di chirurgia per i pazienti che avevano ricevuto l’eviscerazione oculare, l’enucleazione o l’impianto secondario di un impianto orbitale nel periodo 1993-2003. Un totale di 267 pazienti è stato invitato a partecipare. I 173 pazienti che hanno accettato di partecipare, sono stati esaminati  e sottoposti ad un’intervista strutturata sulle allucinazioni visive e il dolorose, eseguita da un esperto del questionario (MLRR).


Risultati: la prevalenza della sindrome dell’occhio fantasma era del 51%. Allucinazioni visive elementari erano presenti nel 36%, allucinazioni visive complesse solo nell’1% e altre allucinazioni visive nel 14%. Le allucinazioni visive elementari erano più spesso luce bianca o colorata, come una luce tagliente continua o come punti in movimento. I fattori scatenanti più frequenti erano l’oscurità, la chiusura degli occhi, la stanchezza e lo stress psicologico; Il 54% dei pazienti ha avuto l’esperienza più di una volta alla settimana. Dieci pazienti erano così visivamente disturbati da interferire con la loro vita quotidiana.

Conclusioni: la sindrome dell’occhio fantasma è comune e gli autori raccomandano che i chirurghi informino i loro pazienti sul fenomeno.

Per maggiori informazioni clicca qui


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *